DOCUMENTI E CRITICA - Sermoni Subalpini - Testo - Erasmo Brio     

SERMONE SECONDO "Nel giorno del Signore"

Foglio 131 recto, da riga 17

(titolo in latino fine riga 17) Sermo in dominicis diebus - (segue premessa in latino inizio riga 17) Dominus dicit - (riga 18) in evangelio. Beati misericordes quoniam ipsi - (riga 19) misericordiam consequentur - (segue testo volgare in occelto fine riga 19) Seignor frere nostre - (riga 20) sire dit en son evangeli. que bon avra i sun cil

Italiano: Il Signore dice Sermone nel giorno del Signore nel vangelo. Beati i misericordiosi perche’ essi stessi otterranno misericordia. Il Signore nostro fratello e Sire dice nel suo evangelio che chi bene avra' sono quelli

 

 

DOCUMENTI E CRITICA - Sermoni Subalpini - Testo - Erasmo Brio    

 SERMONE SECONDO "Nel giorno del Signore"

Foglio 131 verso, tutto

 


DOCUMENTI E CRITICA - Sermoni Subalpini - Testo - Erasmo Brio     

SERMONE SECONDO "Nel giorno del Signore"

Foglio 131 verso, tutto

Traslazione occeltica di B.P.C., traslazione latina di R.C.

rig

Traslazione semidiplomatica

Traduzione italiana

01

qui an misericordia. quar il la troveran plenerement.

che hanno misericordia, i quali la troveranno pienamente,

02

per que dist nostre seignor aquesta parola. Sapiai

perche disse nostro Signore questa parola: Sappi

03

que pieta si est una dele vertuz qui mult est preciosa

che la pieta’ (si) e’ una delle virtu’ che molto e’ preziosa

04

e acceptabel davant deu. guar cel hom qui

e [ben]accetta davanti a Dio, guai a quell’uomo che

05

pieta non a. non a deus part en lui. quan vif deu que

pieta’ non ha, non ha Dio parte in lui, quando vede Dio che

06

el farza altre ben ne li val ne ota ben que el

egli faccia altro bene non gli vale ne’ osta bene che egli

07

farza. si pieta et misericordia non a. Autresi est cum de ce

faccia, se pieta’ e misericordia non ha. Altresi e’ come di qu-

08

lui qui geta la polver al vent que torna a ni

elli che gettano la polvere al vento che torna a ni-

09

ent. Aisi est del cristian qui non a piea ni humi

ente. Cosi e’ del cristiano che non ha pieta’ ne’ umi-

10

lita. Ail chaiti qui escapent de preison

lta’. Ai prigionieri che scappano di prigione

11

e de peril de mar. grant merci fai qui lor

e dei pericoli del mare, grande mercede fa’ chi lor

12

fait aia. quar en quest segle non a maior mi

presta aiuto, quale in questo secolo non ha maggiore mi-

13

seria ne maior desaize cum el sofren. E si

seria ne’ maggior disagio come la loro sofferenza. E (si)

14

vos endirem un bon isemple si vos lo vo

vi diremo un buon esempio se voi lo vo-

15

lez oir. aisi cum saint gregoris lo reconte.

lete udire, cosi’ come san Gregorio lo racconta.

16

Zo dit que a nole en una cita de terra de lavor

Questo dice che a Nola in una citta’ della Terra di Lavoro

17

aveit un saint evesque qui avia num pauli

era un santo vescovo che aveva nome Pauli-

18

nus. Or ven una povra femena a lui qui

nus. (Or) Venne una povera femmina a lui che

19

avea un son fil encaivita en africa en

aveva un suo figlio prigioniero in Africa nella

20

terra de sarrazins. E si li dist. Ser per amor

terra dei Saraceni. E (si) gli disse: Sir per amor

 .

.

DOCUMENTI E CRITICA - Sermoni Subalpini - Testo - Erasmo Brio     

SERMONE SECONDO "Nel giorno del Signore"

Foglio 132 recto, tutto

 

DOCUMENTI E CRITICA - Sermoni Subalpini - Testo - Erasmo Brio     

SERMONE SECONDO "Nel giorno del Signore"

Foglio 132 recto, tutto

Traslazione occeltica di B.P.C., traslazione latina di R.C.

rig

Traslazione semidiplomatica

Traduzione italiana

01

deu aia me a reemer un me fil qui est encai

[di] Dio aiuta me a liberare un mio figlio che e’ pri-

02

tivita ben a doi anni. e non ai de que lo possa

gioniero ben da due anni, e non ho di che lo possa

03

reemer. E saint paulin li responde plo

liberare. E san Paolino gli rispose pian-

04

rant. Bona femena deus lo sa que eu non ai ne

gendo: Buona femmina Dio lo sa che io non ho ne’

05

or ne argent. mas si pren me meisme

oro ne’ argento, ma (si) prendi me medesimo

06

e si me livre a cels qui an tun fil en preifun.

e (si) consegnami a chi ha tuo figlio in prigione.

07

La bona femena se met en via ab lo saint

La buona femmina si mette in via con il santo

08

hom si veneren al rei de la terra qui tenea lo

uomo si’ vennero al re della terra che teneva il

09

ioven hom enchaitiveta. La femena ven

giovane uomo prigioniero. La femmina va’

10

davant lo rei ab lo bon hom e si li dist.

davanti al re con il buon uomo e (si) gli dice:

11

Sire reis rendez mei mun fil que vos avez

Sire re rendetemi mio figlio che voi avete

12

en vostra preisun. e si tenez quest hom en o

nella vostra prigione, e (si) tenete quest’uomo in o-

13

stage en so loc. Lo reis esgarda lo bon hom

staggio in suo luogo. Il re guarda il buon uomo

14

e si li a dit. qual hom el era. et qual mester

e (si) gli chiede qual uomo egli era, e quale mestiere

15

el sa far. Lo saint hom li respunt. Sire

sapeva fare. Il santo uomo gli risponde: Sire

16

reis ge soi un hom pecaor. ne sai nul autre

re io sono un uomo peccatore, ne’ so null’altro

17

mester se non que ort savrea ben garder.

mestiere se non che l’orto saprei ben curare.

18

Quant lo reis oi questa parola se fo aler. si co

Quando il re ode questa parola si fa’ serio, (si) co-

19

mande que l ioven hom fos rendu a soa mar.

manda che il giovane uomo fosse reso a sua madre.

20

Lo saint evesque fo mes a garder lo ort. e el

Il santo vescovo fu messo a guardare l’orto, e egli

 

 

DOCUMENTI E CRITICA - Sermoni Subalpini - Testo - Erasmo Brio    

SERMONE SECONDO "Nel giorno del Signore"

Foglio 132 verso, tutto

 


DOCUMENTI E CRITICA - Sermoni Subalpini - Testo - Erasmo Brio     

SERMONE SECONDO "Nel giorno del Signore"

Foglio 132 verso, tutto

Traslazione occeltica di B.P.C., traslazione latina di R.C.

rig

Traslazione semidiplomatica

Traduzione italiana

01

lo commence ben a appareiller e a eiserbeer. et plan

lo comincia bene ad apparecchiare e a diserbare, e pian-

02

ter bones herbes. E si n aportava sovent a la

tare buone colture. E (si) ne portava sovente alla

03

tabla quant lo rei maniava. e si l en avea gra

tavola quando il re mangiava, e (si) egli ne era grato,

04

et plus len amava. Or aven que lo reis ane en u

e piu’ lo amava. (Or) Avvenne che il re ando’ in u-

05

na batailla. e un so gener somia que lo reis te

na battaglia, e un suo genero sogno’ che il re te-

06

nea una cavalea en sa man, e si li chaea de

neva una cavalla nella sua mano, e (si) gli cadeva dal-

07

la man. e un altre lo prenea. Si cum el se sveilla

la man. e un altro la prendeva. Siccome egli si sveglia

08

e el coita al rei lo somi. e lo rei fo munt es

(e egli) conta al re il sogno e il re divenne molto s-

09

marri. e si li soven del bon hom e si dis. Meser

marrito, e (si) gli sovvenne del buon uomo e (si) disse: Mio Sire,

10

que fai lo bon hom que nos recevereme en ostat

che fa il buon uomo che noi ricevemmo in ostag-

11

ge en lo del fil dela bona femena dis so gener.

gio in luogo del figlio della buona femmina , disse suo genero.

12

El m est vis que l fo alta persona en sa terra. Res

[Di] egli ho avviso che fu alto personaggio in sua terra. Ris-

13

pont lo reis faites lo me venir. eque lo vos

pose il re: fatelo me venire, ecco il detto

14

venu cum un fais d erbes a son col. e lo reis l a

venuto con un fascio di ortaggi al suo collo, e il re l’ap-

15

pelo e si lo fis seer river si. Lo reis l esgarda

pella e (si) lo pone seduto accanto se’. Il re lo guarda

16

e si li a dit. Bon hom car m espones un somi

e (si) gli ha detto: Buon uomo, perche’ [non] m’esponi un sogno

17

que me gener a somia. Saint paulin li res

che mio genero ha sognato? San Paolino gli ris-

18

punt. Sire volunters. Quest somi que vo

ponde: Sire volentieri. Questo sogno, che vo-

19

stre gener somia que vos teniez una cava

stro genero sogno’, che voi tenete una caval-

20

lea en vostra man. zo est la poeste e lo regne

la in vostra mano, cioe’ la potesta’ ed il regno

 .

.

DOCUMENTI E CRITICA - Sermoni Subalpini - Testo - Erasmo Brio     

SERMONE SECONDO "Nel giorno del Signore"

Foglio 133 recto, tutto

 

DOCUMENTI E CRITICA - Sermoni Subalpini - Testo - Erasmo Brio     

SERMONE SECONDO "Nel giorno del Signore"

Foglio 133 recto, tutto

Traslazione occeltica di B.P.C., traslazione latina di R.C.

rig

Traslazione semidiplomatica

Traduzione italiana

01

que vos avez. mas venuz est lo terme que vos

che voi avete, ma venuto e’ il termine che voi

02

lo perdrez. e lo regne e la vita. e vos carra la

lo perderete, e il regno e la vita, e vi cadra’ la

03

cavalea dela man per lo mal que avez fait et que

cavalla dalla mano per il male che avete fatto e che

04

vos faites. Or li a dit lo reis. Dime bel par

voi fate. (Or) Gli ha detto il re: Dimmi bel padre

05

qual hom tu fos en toa terra. Sire dist lo

qual uomo tu fosti in tua terra. Sire disse il

06

bon hom vos m avez demande fort chosa.

buon uomo, voi m’avete domandato forte cosa,

07

mas empero eu en dirai la verita. E fui vesque

ma impero’ io vi diro’ la verita’. (E) Fui vescovo

08

d una cite qui a num nole. Si ven la bona

di una citta’ che ha nome Nola. (Si) Venne la buona

09

femena que vos savez si me livra a vos per son

femmina che voi sapete (si) mi meno’ a voi per suo

10

fil en ostage. or a des anz. Quant lo reis

figlio in ostaggio, or sono dieci anni. Quando il re

11

oi questa parola si n ot gran meraveilla.

udi questa parola (si) n’ebbe gran meraviglia,

12

dela pieta que quel saint hom of. e si li dist

della pieta’ che quel santo uomo ebbe, e (si) gli disse:

13

Bel pare perdoname lo mal et lo despeit que

Bel padre perdonami il male ed il dispetto che

14

ge t ai fait. quar eu no savea que tu fu

io t’ho fatto, [in] quanto io non sapevo che tu fos-

15

ses tal hom cum tu eres. E torneten a

si tale uomo come tu sei. (E) Tornatene al

16

tun evesque.que ge t en envierai a grant

tuo vescovado, che io ti inviero’ con grande

17

honor. e si te dara cavalqueures e or e ar

onore, e (si) ti daro’ cavalcature e oro e ar-

18

gent tant cum a ti plaisira. A zo respunt

gento tanto quanto a te piaccia. A questo risponde

19

lo saint hom. Meser no ma os or

il santo uomo. Messer non mi osta oro

20

ne argent. ne vos quer autre dun

ne’ argento, ne vi chiedoaltro dono

 

 

DOCUMENTI E CRITICA - Sermoni Subalpini - Testo - Erasmo Brio     

SERMONE SECONDO "Nel giorno del Signore"

Foglio 133 verso, tutto

 


DOCUMENTI E CRITICA - Sermoni Subalpini - Testo - Erasmo Brio     

SERMONE SECONDO "Nel giorno del Signore"

Foglio 133 verso, tutto

Traslazione occeltica di B.P.C., traslazione latina di R.C.

rig

Traslazione semidiplomatica

Traduzione italiana

01

mas solament los caitis que vos avez

ma solamente i prigionieri che voi avete

02

en preisun dela mia parrochia. E ge los

in prigione della mia parrocchia. E io loro

03

vos rent mult volunters dist lo rei.

vi rendo molto volentieri disse il re,

04

mas si vos prei que vos orez per mei. Or

ma (si) vi prego che voi oriate per me. Or

05

pres sos chaitis e si s en torne en son e

prese i suoi prigionieri e (si) se ne torna nel suo ve-

06

vesque. Or ici poen prendre isemple

scovado. Or Qui possono prendere esempio

07

tuit bon cristian qui deu amun. car

tutti i buoni cristiani che Dio amano, qual

08

grant misericordia fo quela que of quest saint evesque

grande misericordia fu quella che ebbe questo santo vescovo

09

car el compli ben lo comandament

perche’ egli compi’ bene il comandamento

10

del evangeli qui dit. Maiorem karitatem

del vangelo che dice: Maggior carita’

11

nemo habet ut animam suam ponat quis pro

nessuno ha di chi pone la sua anima per

12

amicis suis. E nos si autreno poem

i suoi amici. E noi (si) altrettanto possiamo

13

far de zo que nos avem devem doner as

fare con cio’ che noi abbiamo dobbiamo donare ai

14

chaitif et as besoignos. que nos poissa

prigionieri ed ai bisognosi, che noi si possa

15

or aquella voz que nostre seignor dit enl e

udire quella voce che nostro Signore dice nell’e-

16

vangeli. Quod uni ex minimis meis

vangelio. Quel che a uno dei miei fratelli piu’ piccoli

17

fecistis mihi fecistis. Quod ipse p[raesta]re dig-

avete fatto, a me l’avete fatto. Il che di concedere si de-

18

netur qui vivit et regnat. Per omnia.

gni Egli che vive e regna. Per tutti [i secoli].

19

20

 

- TORNA AL SERMONE PRECEDENTE - * * * * * * * * - VAI AL SERMONE SEGUENTE -

- TORNA ALL'INDICE -